I servizi di emergenza per le persone sorde ai tempi del COVID-19

I servizi di emergenza per le persone sorde ai tempi del COVID-19

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Oggi, durante i giorni della pandemia di COVID-19, è essenziale che l’accesso alle informazioni e ai servizi di emergenza sia garantito a tutti. Conferenze in televisione, video informativi sui vari canali social dedicati all’informazione e alla prevenzione, numeri verdi informativi e servizi telefonici di emergenza: soluzioni per un accesso facile e veloce destinato a tutti i cittadini.

Tutti?
I video registrati non hanno i sottotitoli; le conferenze live non possono contare sul supporto di un interprete LIS o di un sistema di trascrizione in tempo reale; e i numeri verdi sono -per loro natura- inaccessibili a una categoria di persone spesso dimenticata: i sordi.

Come è possibile, allora, per le persone sorde (più di 70.000 in Italia, e 70 milioni nel mondo) approcciare a una completa informazione e affrontare le emergenze?

Accesso alle informazioni: Emergenza Sordi APS

Nata il giorno del terremoto ad Amatrice, Emergenza Sordi si è trasformata nel 2018 in Associazione di Promozione Sociale, con lo scopo di promuovere l’accessibilità ai servizi di emergenza e di diffondere la cultura del primo soccorso (rianimazione cardiopolmonare con defibrillatore – BLSD), Antincendio a rischio basso/medio/alto e “Stop The Bleeding” (come bloccare l’emorragia) nella comunità sorda in primis.

Il gruppo è coordinato principalmente da tre persone sorde: il presidente Luca Rotondi, biologo CBRN Advisor esperto nella gestione delle emergenze per le persone sorde, lavora nel campo della comunicazione istituzionale di una Pubblica Amministrazione; Marta Zuddas, biologa specialista in Microbiologia e Virologia; e Davide Mauri, operatore BLSD e volontario del Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta – CISOM, gruppo di Monza e Brianza.

L’importanza di un’associazione di questo tipo è fondamentale a livello quotidiano, tanto più in situazioni come quella che stiamo vivendo questi giorni. Proprio per questo, Emergenza Sordi ogni giorno fornisce alla comunità di riferimento informazioni e aggiornamenti sulle normative e sui vari servizi accessibili, condividendo video sottotitolati e in Lingua dei Segni e una grande varietà di contenuti esplicativi.
sistemi di emergenza attivi

Pedius e i servizi di emergenza accessibili

Fin dalla sua nascita, Pedius ha sempre combattuto per l’abbattimento delle barriere alla comunicazione, concentrandosi sull’accessibilità dei servizi di emergenza alle persone sorde. Infatti, partendo dai comuni di Trieste, Prato e Andria per cui ha abilitato la sala operativa della polizia locale alla ricezione di chiamate da parte delle persone sorde, è arrivato alla collaborazione con la Protezione Civile di Roma Capitale.

In questi giorni, a seguito del COVID-19, sta abilitando una serie di servizi di emergenza che non prevedevano alcun accesso alle persone sorde. Tramite l’applicazione Pedius, gli utenti sordi possono finalmente telefonare -gratuitamente e 24 ore su 24- ai numeri verdi regionali istituiti dal Ministero della Salute e alla Croce Rossa Italiana, per richiedere informazioni, indicare variazioni circa il proprio stato di salute e segnalare emergenze in tempo reale, parlando direttamente con un operatore.

In più, per i mesi di marzo e aprile, per far fronte a questo periodo e permettere alle persone sorde di poter restare in contatto con i propri cari, nonché di telefonare al proprio medico, farmacista o a qualunque altro esercizio necessario, offre a tutti gli utenti ulteriori 30 minuti gratuiti di telefonate.
Pedius continuerà a rendersi disponibile a tutti gli altri servizi di prima necessità che decideranno di abbattere le barriere e di garantire alla comunità sorda una piena partecipazione alle informazioni, all’uso di norme di prevenzione e a sistemi di segnalazione delle emergenze.
Samantha Leone

Samantha Leone

Linguista e interprete LIS - Lingua dei Segni Italiana - ama la scrittura e Star Wars. Dal 2015 lavora in Pedius dove si occupa di comunicazione.

Iscriviti alla newsletter: