Zero Project: azioni internazionali in favore dell’accessibilità

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Cambiamenti significativi richiedono iniziative potenti. L’iniziativa Zero Project, fondata dall’austriaca Essl Foundation, si dedica alla ricerca delle migliori politiche e pratiche a livello mondiale per il sostegno della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.

Sebbene le politiche esistenti in materia già rispecchino molte delle qualità fondamentali delineate dalla Convenzioni, queste potrebbero non essere più applicabili -o sufficienti- al giorno d’oggi. Proprio in visione di ciò, Zero Project è stato in grado di unire con successo lo spirito di innovazione odierno con la razionalità della politica, aspetti ugualmente importanti, per stimolare la società attraverso nuovi strumenti e metodi creati per garantire accessibilità e inclusione a supporto delle persone con disabilità.

Gli argomenti trattati da Zero Project

Ogni anno, l’evento organizzato da Zero Project tratta un argomento particolare basato sui quattro fattori chiave delineati dalla Convenzione delle Nazioni Unite:
  • Occupazione: assicurare che il diritto al lavoro individuale sia sempre sostenuto tramite azioni appropriate a garanzia dell’uguaglianza;
  • Accessibilità: consentire alle persone con disabilità di partecipare alla vita di tutti i giorni, grazie ad accessi inclusivi agli ambienti fisici e alle tecnologie di comunicazione;
  • Vita indipendente: rispettare la dignità e l'autonomia dell'individuo nel prendere decisioni e sostenere la piena accettazione nella società;
  • Partecipazione politica e Istruzione: promuovere una partecipazione attiva alla vita politica e pubblica senza discriminazioni, nonché fornire un sistema educativo inclusivo per ogni livello di apprendimento.
Nel 2018, la Conferenza di Zero Project si è concentrata sull’accessibilità delle politiche in virtù delle nuove pratiche innovative, capaci di stimolare le persone con disabilità a vivere una vita più indipendente e, soprattutto, piena.
Successivamente, nella Conferenza del 2019, il focus si è rivolto alla vita indipendente e alla partecipazione politica. Sebbene apparentemente semplice, il tema ha coinvolto molte idee innovative che incoraggiano l’indipendenza per la persona con disabilità nella comunità, nonché le politiche di pari opportunità in tutti i vari aspetti della società. La creazione di una piattaforma internazionale che renda questa idea -teoricamente semplice eppure complessa dal punto di vista dei diritti umani- tangibile può sicuramente essere di supporto per Zero Project, nonché per le Nazioni Unite in generale.

Pedius e la partecipazione a Zero Project 

Pedius ha potuto partecipare alle conferenze degli ultimi due anni, riconoscendo così lo stretto legame tra i propri obiettivi aziendali e la mission stessa di Zero Project.
Pedius_zero_project
Alla conferenza del 2019, Lorenzo Di Ciaccio, CEO di Pedius, ha partecipato a una sessione di panel sulle Soluzioni digitali innovative per un’Europa accessibile, in cui ha parlato delle sfide che devono affrontare gli imprenditori che forniscono tecnologie per una comunità inclusiva e accessibile. Infatti, la tecnologia innovativa di Pedius è uno strumento che fornisce ma, soprattutto, supporta la libertà e l’autonomia che la comunicazione offre a qualsiasi persona.


Per essere pienamente indipendente, un individuo deve avere la possibilità di auto-rappresentarsi, nel quotidiano come nella vita lavorativa. Se vuoi saperne di più, leggi i vantaggi dell’inclusione lavorativa.

Per un mondo migliore è necessario proteggere e intraprendere azioni a sostegno della vita indipendente, nonché della piena partecipazione sociale per tutte le persone, anche quelle con disabilità.
Grazie al grande impegno internazionale di realtà come Zero Project, e dei suoi partecipanti, questo può finalmente diventare una realtà.
Lauren Anders

Lauren Anders

Laureata in International Business e con un Master in Business Administration, gusta pienamente il suo nuovo stile di vita italiano. Dal 2016 lavora in Pedius come Business Developer per tutti i paesi di lingua inglese.

Iscriviti alla newsletter: